Il Riscaldamento nel Fitwalking

Sei proprio sicuro di riscaldarti a sufficienza prima di una gara o di un allenamento?
Quanti atleti si riscaldano per suggerimento o per averlo visto fare dagli altri, con un senso ricreativo e aggregante, sottovalutandone i suoi benefici?


L’allenamento e la gara possono essere suddivisi in ordine cronologico in 3 fasi:

  1. Riscaldamento
  2. Fase centrale
  3. Defaticamento



Il riscaldamento, in inglese “Warm Up”, è la parte iniziale di un allenamento o l’anteprima di una competizione e serve a preparare il fisico al successivo sforzo. È un momento fondamentale, ancora di più con le temperature rigide dei primi mesi dell’anno, che se eseguito in maniera errata può influenzare in maniera negativa la prestazione o creare problemi a livello fisico/muscolare.

Il riscaldamento è quindi importante per i seguenti aspetti:

  • Mettere in moto l’apparato cardio-circolatorio.
  • Prevenire gli infortuni.
  • Abituare il fisico al gesto tecnico.
  • Preparare la muscolatura ad attivare i meccanismi energetici.

Ma quanto ci dobbiamo riscaldare?

Il riscaldamento come l’allenamento è molto soggettivo e può variare da persona a persona. Il mio riscaldamento può non essere uguale a quello di un’altra persona. Il suggerimento è quello di suddividere il riscaldamento in 2 fasi:

Una fase preparatoria, di circa dieci/quindici minuti, composta dal Fitwalking/camminata a ritmo blando e da esercizi ginnici (mobilità articolare e andature), che non necessariamente andranno a emulare la camminata, con lo scopo di favorire un incremento della temperatura corporea e del flusso sanguigno e preparare la muscolatura ai movimenti del gesto tecnico.

Una fase fondamentale, di circa 7/8 minuti, che simula le condizioni previste nello sforzo fisico. Questa fase ha l’obiettivo di preparare in maniera specifica l’organismo allo sforzo successivo, attraverso esercitazioni simili o uguali a quelli che si andranno ad eseguire nella fase centrale. In questa fase possono essere previsti i classici “allunghi”, ovvero delle accelerazioni di corsa a ritmo crescente su una distanza di circa 60-80m, o meglio ancora delle variazioni a ritmo crescente alternando 100m più sostenuti e 100m di recupero per circa sette/otto minuti, appunto.

Ora sì che siamo pronti!

Calcola il tuo ritmo

Condividi

Potrebbe interessarti:

La Studium campione d’Italia di marcia

La Studium campione d’Italia di marcia

Si sono svolti domenica 15 ottobre ad Alessandria i campionati italiani di società master di marcia, con la seconda prova che assegnava il titolo di campione d’Italia. In tale occasione la Studium et Stadium femminile, in svantaggio di 6 punti rispetto alla...

La storia del “Fitwalking per la Vita”

La storia del “Fitwalking per la Vita”

Nell’estate del 2001 Maurizio Damilano, già campione olimpico della 20 km di marcia a Mosca 1980 e due volte campione mondiale nella stessa distanza, dà vita al progetto Fitwalking, coinvolgendo il fratello Giorgio, alcuni amici appassionati di cammino e della marcia...

Il Viaggio Sportivo

Il Viaggio Sportivo

“Una fantastica esperienza da condividere insieme che coniuga sport, benessere, cultura e amicizia. Un modo nuovo ed originale per vivere l'attività fisica.Un'avventura nella quale sarai il protagonista e camminerai insieme a migliaia di persone provenienti...

Iscriviti alla newsletter


Iscriviti tramite Facebook
... oppure inserisci i tuoi dati:


L'indirizzo al quale desideri ricevere le newsletter.

 

Gruppo base newsletter

 


 


 

Ai sensi del d.lgs. 196/2003, Regolamento 2016/679 - GDPR La informiamo che:
a) titolare del trattamento è Scuola Sarda del Cammino, 07100 Sassari (SS), Via Baldedda, 12/C
b) responsabile del trattamento è Mauro Pirino, 07100 Sassari (SS), Via Baldedda, 12/C
c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per dare corso all'invio della newsletter e per l'invio (anche via email) di informazioni relative alle iniziative del Titolare;
d) la comunicazione dei dati è facoltativa, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta;
e) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all'indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all'invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n.196 del 30/6/2003)


Questo si chiuderà in 20 secondi